15 maggio: Casa sana, in luogo sano?

Data evento: 15 maggio 2020

Tipo evento: Webinar

È uno degli effetti della pandemia Covid-19: la nuova attenzione alla vita salubre porta, d’istinto, la popolazione a sognare di vivere in un luogo “ameno”, in montagna o campagna. Ma recuperare i borghi rurali e di montagna come unità territoriali di socializzazione e di vita, dopo anni di progressivo spopolamento, è un sogno passeggero di chi troppo è rimasto confinato fra quattro mura di un piccolo alloggio in città o una possibilità concreta che si apre per il futuro? La spinta alla biofilia ci porterà a vivere sempre di più in spazi aperti?

Il dibattito – come richiamato dall’Uncem – va affrontato senza slogan, ma con concretezza e responsabilità. E’ necessario mettere in atto una pianificazione che prenda in esame innanzitutto le necessità per la rifunzionalizzazione dei territori: dalle connessioni (fisiche e infrastrutturali) dei territori rurali e montani al ridisegno delle identità, a partire da quelle fisiche. Gli edifici residenziali e non, pensati spesso come strutture stagionali, nella maggior parte dei casi non sono efficienti o non sono pensati per ospitare una vita su 365 giorni all’anno. Lo stesso vale per le aree pubbliche. Garantire una nuova vita ai territori “interni” significa anche coordinare bene i progetti, le risorse che arrivano dall’Europa e ragionare su nuovi concetti di sostenibilità (paesaggistica, economica e sociale) e di salubrità, anche rispetto alla messa in sicurezza e alla dotazione di servizi essenziali, come la scuola e la sanità.

Il tema sarà affrontato in un dibattito venerdì 15 maggio alle ore 17,40 in webinar e diretta Facebook sui nostri canali.